Storia della Città

 

1160

La Spezia per la prima volta viene citata in alcuni contratti commerciali sottoscritti da Bonus Johannes e Baldus de Specia.

1239

Pur essendo un piccolo centro del distretto di Carpena, alla Spezia vengono conferiti gli stessi privilegi e immunità concessi alla podesteria di Carpena, per la sua crescente importanza commerciale e mercantile.

1252

Nicolò Fieschi acquisisce una serie di territori e comunità dal vescovo di Luni e da altre signorie locali, in questa occasione acquista La Spezia e altri territori limitrofi dai signori di Carpena.

1273

La Spezia è teatro di feroci scontri tra le due opposte fazioni, i Fieschi da una parte e i Doria e gli Spinola dall'altra, che si contendono il governo della repubblica genovese e il dominio su tutta la Liguria. Oberto Doria, a capo delle milizie genovesi attacca la roccaforte della Spezia, prima struttura fortificata costruita sul Poggio, e sconfigge Nicolò Fieschi

1276

L'esperienza dei Fieschi di creare una signoria guelfa nella Liguria orientale si conclude con la vendita alla Repubblica di Genova di tutti i territori del Levante acquisiti in precedenza, e tra questi figura  anche La Spezia .Da questo momento in poi la città segue le sorti della Repubblica di Genova.

1343

Il doge Simon Boccanegra dispone che alla  Spezia, divenuta uno dei  centri più importanti per la produzione e vendita del sale, venga istituita la Podesteria, allargando la sua giurisdizione su territori staccati alla Podesteria di Carpena.

1371

I podestà di Carpena e La Spezia riuniti nella chiesa di Santa Maria, si accordano di riunire le due Podesterie sotto un unico podestà  che dovrà risiedere alla Spezia. Si decide inoltre di dotare la città di una cinta muraria difensiva, con questa viene costruita anche la Bastia

1390

Vengono costruiti sul Poggio il convento di San'Agostino e la chiesa omonima, la quale sarà completata e consacrata al culto religioso soltanto nel 1547

1402

Sono completati e potenziati le cinta muraria difensiva e il castello San Giorgio con la costruzione del castrum novum

1407

Vengono elaborati i primi statuti che regolamenteranno in futuro la vita civile e pubblica della comunità

1412

Dopo la vittoria della guerra contro Firenze 1410-1412, Genova soffoca nel sangue la rivolta dei paesi del Golfo fomentata dai Fieschi, La Spezia, unico paese rimasto fedele alla repubblica genovese, approfitta per distruggere l'eterna antagonista Carpena e si appropria di tutto il suo territorio.

1420

Si costruisce il primo palazzo pubblico, sede del podestà e luogo dove vengono svolte tutte le attività giuridico - amministrative della comunità

1471

La chiesa di Santa Maria, chiusa per essere ristrutturata, viene riaperta e consacrata ala culto e inserita all'interno della nuova cinta muraria.

1477

Termina un breve dominio di milanesi sulla città, il vecchio Arsenale,viene distrutto dagli uomini della Spezia durante gli scontri contro le milizie ducali.La Spezia torna sotto la giurisdizione della Repubblica di Genova dove resterà sino alla fine del XVIII secolo.

1480

Viene fondato l'Ospedale di Sant'Andrea per iniziativa della confraternita della Santissima Annunziata.Costruito all'interno del perimetro urbano, si trovava nella parte ovest della città,vicino alla porta di Biassa.

1564

Si inizia la costruzione della fortezza di Santa Maria sul promontorio tra il Varignano e la Castagna per difendersi dalle incursioni corsare.

1590

In occasione della carestia del grano viene riproposta alla Repubblica da parte degli amministratori locali,l'annosa questione di creare un porto franco alla Spezia, Genova ancora una volta non accetta la proposta per tutelare le proprie attività commerciali

1606

Si da inizio alla costruzione di alcune fortezze, la scuola vicino all'isola Palmaria, la torre di San Gerolamo e il forte di Sant'Andrea

1640

Viene presentato al Senato della Repubblica un progetto di deviazione del fiume Magra del Golfo, allo scopo di utilizzare i terreni della bassa valle per la produzione di granaglie

1654

Per rivitalizzare la stagnante attività economico-commerciale viene adottato il provvedimento di fare entrare in città mercanti ebrei e stranieri, come aveva fatto a suo tempo Livorno.Vengono istituiti mercati settimanali e fiere annuali; in questa occasione sono eletti patroni della città San Giuseppe (19 marzo) e la Madonna Assunta (15 agosto)

1672

Viene modificato l'ingresso della città nella parte  a levante, costruendo una strada bassa che elimina le colline dei Cappuccini e di Ferrara.

1797

Con l'arrivo dell'esercito napoleonico s'innalza l'Albero della libertà per festeggiare la fine del dominio di Genova

1799

La Spezia come tutto il territorio ligure passa per un breve periodo sotto il dominio degli austro-russi, per poi ritornare nuovamente in mano dei francesi come Repubblica ligure

1805

La Repubblica ligure, e quindi La Spezia, viene definitivamente annessa all'impero napoleonico

1808

Si iniziano a costruire opere pubbliche di notevole importanza, quali strade più moderne pere collegare Genova,Parma e Roma, e l'illuminazione  della città, e dichiarata ufficialmente porto militare e si studia il progetto per la costruzione di un arsenale militare ma riamane sulla carta con la fine dell'Impero napoleonico

1815

La Spezia entra a far parte del regno sardo-piemontese dei Savoia

1823-49

Nella città elevata a rango di capoluogo vengono riprese le,opere pubbliche lasciate incomplete in passato e ne vengono iniziate di nuove. come i Giardini pubblici, la biblioteca civica,scuole,alberghi e stabilimenti balneari

1861

Con l'avvento del Regno d'Italia viene approvato definitivamente il progetto di costruzione dell'Arsenale militare nella località chiamata San Vito. I lavori iniziano nel 1862 e già nel 1865 sono attivi otto cantieri

1869

Viene inaugurato l'Arsenale che e ben lontano dall'essere completato.

1884

Scoppia una epidemia di colera, i morti e i contagiati sono moltissimi

1891

Si dà inizio alla costruzione del porto mercantile che verrà ultimato soltanto nel 1900

1908/38

la città è dotata da un piano urbanistico e a seguito di ciò vengono costruite opere pubbliche, come il Teatro Cozzani, il teatro Civico, il palazzo del governo ora sede della Prefettura e della Provincia, e viene rifatta la facciata della chiesa di Santa Maria.Nel 1933 viene costruito il  palazzo del fascio che in seguito diventerà la sede del Comune

1923

Venne concesso il diritto di fare uso dello stemma provinciale con decreto firmato dal Re Vittorio Emanuele III e da Benito Mussolini, allora capo del governo.Lo stemma è azzurro ha la torre quadrata merlata alla ghibellina, sorgente su un monte a tre cime e sostenente un'aquila coronata d'oro, sormontata da una stella di otto raggi, lo scudo è fregiato dagli ornamenti delle province italiane. Motto:"Civium Romanorum Colonia"

1940/45

La Spezia e il suo Arsenale subiscono intensi bombardamenti aerei da parte degli eserciti alleati.

1971

Viene costruita la nuova cattedrale dedicata a Cristo re nella zona di Piazza Europa, nuovo centro politico e amministrativo della città