Piazzale Bergamini

Il piazzale all'interno della Porta Principale dello Stabilimento è intitolato alla medaglia d'oro Amm. di Squadra G.C.Bergamini. 

Il ponte sul canale Lagora, originariamente girevole,era stato costruito dalla Ditta Bosisi-Larini-Nathan nel 1885.Distrutto nel corso del 2° conflitto mondiale è stato ricostruito fisso.La porta monumentale è stata costruita dalla Ditta P. Sanvenero nel 1883.Il Palazzo,sede del Comando in capo del Dipartimento, dopo la distruzione bellica non è stato più ricostruito.

La Caserma dei Pompieri è stata adattata a Museo Navale.Ai lati della cancellata d'accesso allo Stabilimento sono poste le ancore della Corazzata austriaca "Viribus Unitis" affondata a Trieste nel 1918.Sulle sommità dei pilastri sono accatastate palle per cannoni navali ad avancarica del 1850.

Porta Ferrovia Nord

Consentiva il transito del treno che trasportava le maestranze fino a San Bartolomeo.Il ponte ferroviario girevole si apriva per consentire il passaggio delle imbarcazioni che andavano dalle navi alla fonda in porto alla Porta Principale dell'Arsenale.La linea ferroviaria è stata utilizzata dal 1870 circa sino alla fine del 1950.Il ponte è stato costruito inizialmente dal Genio Militare, fu dismesso e ricostruito dalla Ditta Larini- Nathan nel 1892.Le opere murarie sono della Ditta Luigi Carani ed edificate nel 1892.

Direzione Arsenale

Il palazzo costruito nel 1888 dalla Ditta C. Falconi,per ospitare la Direzione delle Costruzioni Navali è stato sopraelevato nel 1936.Dal 1° settembre 1949 è utilizzato come sede della Direzione dell'Arsenale.

Cannoni davanti al palazzo Direzione

Recuperati durante i lavori di rifacimento della banchina mancina idraulica ove erano stati infissi come bitte per l'ormeggio delle navi e restaurati dalle officine dell'Arsenale nel 1996.

Palo-Scuola Allievi Operai

Per consolidare il terreno acquitrinoso su cui furono poste le fondamenta degli  edifici dell'Arsenale,furono infissi a colpi di maglio pali di pino larice di Corsica calzati di cuspidi in ferro.Questo palo è uno dei duecento che furono utilizzati sotto il basamento della mancina idraulica,gru che sollevava fino a 160 tonnellate.Il palo è stato messo in opera nel 1870 e recuperato nel 1995 nel corso di lavori di rifacimento della banchina.

Vasca navale

La Vasca per esperienze d'Architettura  Navale iniziata nel 1887 ed operativa nel 1889: era la prima in Italia e la quarta in Europa.Fu distrutta dai bombardamenti aerei durante la 2a Guerra Mondiale.Le sue dimensioni erano di 146x6x3 m.

San Francesco

Chiesa e convento dei frati Minori.Costruita in stile rinascimentale nel 1487 sulla preesistente chiesetta dedicata a sant'Erasmo fu denominata "il grande" e consacrata il 19 aprile 1531.Era adorna di una terracotta di Andrea della Robbia, ora in Santa Maria Assunta.Il complesso, requisito in seguito all'editto Napoleonico dei primi dell'800 venne restituito ai Francescani nel 1829.Nel 1835 vi accolsero i malati di colera.Nel 1863 venne espropriato per la costruzione dell'Arsenale e impiegato come Caserma per i Carabineri.

Veleria

Questo fabbricato,costruito tra il 1866 ed il 1870 era adibito a Velerie e Magazzini di Armamento.Danneggiato durante l'ultimo conflitto, è stato ristrutturato a Caserma per gli equipaggi dell'Unità Navale ai lavori e sede del Comando Navi uso locale.

Officina Artiglieria

Costruita nel 1864 come tettoia per la conservazioni di legnami, nel 1865 fu adattata per la cerchiatura di cannoni.Disponeva di un pozzo per la composizione e scomposizione dei grossi calibri.

Prima darsena

Dimensioni nette: 200 x 420 metri.Gli scavi a secco furono effettuati tra il 1863 e il 1865 

Ponte girevole in ferro

Realizzato nel 1914 dalle Officine Savigliano di Torino in sostituzione di quello distrutto nel 1869 in occasione dell'allargamento del canale.

Seconda darsena

Dimensioni nette: 200 x 600 metri.Inizialmente di 200 x 390 m, la Darsena,tra il 1888  e il 1890, fu portata alle attuali dimensioni dall'impresa Platti.

Bacino n.1 

Lunghezza 110 m.larghezza 23 m. capacità 21.000 m3.Scavi effettuati dal 1863 al 1865.Il bacino operativo dal 1870, può ospitare unità tipo Sommergibili e Dragamine

Bacino n.2 

Lunghezza 132  m.larghezza 24 m. capacità 29.000 m3.Scavi effettuati dal 1864 al 1866.Il bacino operativo dal 1870, può ospitare Naviglio Ausiliario.

Bacino n.3 

Lunghezza 132  m.larghezza 24 m. capacità 29.000 m3.Scavi effettuati dal 1864 al 1866.Il bacino operativo dal 1870, può ospitare unità tipo Fregate.

Bacino n.4 

Lunghezza 110  m.larghezza 23 m. capacità 21.000 m3.Scavi effettuati dal 1863 al 1865.Il bacino operativo dal 1870, può ospitare unità tipo Sommergibili e Naviglio Ausiliario.

Bacino n.5 

Lunghezza 220  m.larghezza 33 m. capacità 78.000 m3.Scavi effettuati dal 1884 al 1891.Il bacino operativo dal 1891, può ospitare unità tipo Incrociatori e Cacciatorpedinieri.Fino al 1914 aveva la possibilità di essere diviso in due con una barcaporta intermedia.

Bacino n.6 

Lunghezza 220  m.larghezza 28 m. capacità 53.000 m3.Scavi effettuati dal 1886 al 1899.Il bacino può ospitare unità tipo Incrociatori 

 

Sprugola

Nome di una risorgiva d'acqua dolce e dello specchio d'acqua ad essa connesso.Citata già nei primi del 1400 e più ampiamente nel 1489 in documenti cittadini relativi a contrasti sorti per il possesso delle acque di alimentazione dei mulini.Citata come Sprogora nel piano topografico del 1767 subì radicali interventi con la costruzione dell'Arsenale e la necessaria regimazione delle acque .Il torrente Lagora venne spostato verso la città e incanalato nel fossato esterno al muro di cinta dello Stabilimento.Si divise così la Sprugola dell'Arsenale dallo Sprugolotto (tuttora esistente nei pressi della Via della Sprugola.Nel 1896 venne infisso un tubo fino a 30 metri di profondità che produsse un getto d'acqua alto 12 metri e visibile al di là del muro. L'acqua sorgiva è stata utilizzata pompandola fino a Pegazzano dove un filtro ed un ozonizzatore provvedevano a garantirne la potabilità.

Per informazioni: Comune della Spezia Assessorato al Turismo Tel. 0187-745627 (aperto dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 13)