Come si arriva    Cosa Vedere    Castello   Sentieri   Curiosi Nomignoli  Foto

Unico porto naturale delle Cinque Terre, conserva ancora le testimonianze storiche della prosperità della quale godette durante la denominazione della Repubblica di Genova.Considerato da molti il centro più suggestivo delle Cinque Terre, Vernazza unisce alla bellezza delle architetture marinare,l'aspetto fiero dell'antico borgo fortificato.Le sue origini risalgono più o meno all'anno Mille,quando un nucleo proveniente dalla vicina frazione di Reggio fondò l'insediamento sul mare.

Proclamata dall'Unesco patrimonio mondiale dell'umanità. A Vernazza e nelle Cinque Terre si arriva principalmente in treno,quando nel 1874 arrivarono le ferrovie ebbe fine anche un isolamento secolare.Una volta Vernazza aveva anche una spiaggia,sassosa, ma grande.Era nata col materiale di riporto della costruzione del raddoppio della Ferrovia nel 1961.Un bel giorno, nessuno ricorda bene quando,il mare se l'è portata via. E Vernazza e rimasta senza spiaggia. I vernazzesi sono stati emigranti,naviganti,ma hanno un rapporto stretto con la terra quasi come con il mare. A Vernazza ci sono più trattorie che case.Sono emigranti,ma i più , appena fatte due lire,sono tornati a "posà e ossa" nel loro cimitero a picco sul mare. Perché i vernazzesi lontano da Vernazza non ci possono stare.

Come si arriva

In treno: linea Genova-La Spezia, stazioni di Riomaggiore-Manarola (Tel 0187 920176), Vernazza-Corniglia (Tel 0187812290) e Monterosso (Tel 0187817458)

In battello:linee Levanto-Monterosso, Monterosso-Vernazza-Manarola-Riomaggiore

In automobile:fino a Monterosso, poi treno o battello. oppure per la rotabile da Pignone e Drignana

In barca: attracco presso il molo

Cosa vedere

Chiesa gotica di Santa Margherita di Antiochia- con le fondamenta che poggiano direttamente sul mare,protetta da una fila di scogli,ricostruita nel  XIV secolo sul sito di un precedente edificio in stile gotico-ligure e presenta una pianta basilicale a tre navate è caratteristico il  campanile ottagonale di 40 metri di altezza,la cui forma si differenzia da quella delle altri parrocchiali delle Cinque Terre.

Torri di avvistamento anti-pirati, resti di fortificazione genovesi.

Festa Principale e Manifestazioni

Festa di Santa Margherita di Antiochia (20 luglio)

Santuari di Nostra Signora di Reggio e di San Bernardino

 

Il castello

La particolare conformazione della piccola baia di Vernazza, riparata dal mare da un alto promontorio, ne ha fatto uno degli approdi più sicuri delle Cinque Terre.

Già durante la denominazione degli Obertenghi, Vernazza fu il principale approdo del tratto di costa che va dal Mesco alla punta di Montenero. Il "Castrum de Vernazia" esisteva già nel 1056, con il marchese Alberto Rufo, nella seconda metà del XII secolo queste terre furono proprietà dei Da Passano poi Genova ne venne in possesso nel 1211.Gli uomini di Vernazza erano molto stimati e temuti per la loro capacità di navigatori, tant'è che i genovesi gli concessero il privilegio di eleggere al parlamento un proprio rappresentante, che decideva le spedizioni militari in mare. La torre del castello era un luogo di avvistamento visto che da lassù con un solo sguardo si poteva controllare l'intero golfo delle Cinque Terre. Sulla sommità del promontorio era localizzata una cappella dedicata a S. Giovanni, ora scomparsa, la cui esistenza è stata confermata dal cartografo Matteo Vinzoni nelle mappe del 1773.

Al castello si può accedere imboccando una delle viuzze che si aprono sulla piazzetta fra le case sottostanti, sotto questa fortificazione sorge un bastione detto, il Belforte. Sul versante opposto al castello esiste un'altra opera fortificata."Il Torrione", da essa si dipartiva la cinta muraria che difendeva il monte di Vernazza, della quale è possibile osservare alcuni tratti assai compromessi.

Sentieri

Vernazza(10)-Monterosso (0) Lunghezza: 3 km.Tempo di percorrenza:2 h Partenza: al centro del paese

Vernazza(10)-Corniglia(90).Lunghezza: 4 km.Tempo di percorrenza:1h 30.Partenza:dal centro del paese

Vernazza(20)-Foce Drignana(500).Lunghezza: 2.5 km.Tempo di percorrenza:1h 30 .Partenza:oltre il cimitero

Vernazza(90)-Cigoletta(612).Lunghezza: 3 km.Tempo di percorrenza:1h 30.Partenza:bivio lungo il sentiero per Corniglia

Curiosi Nomignoli

 

Non solo le persone hanno i loro soprannomi , ma anche gli scogli:

Il Ventegà- è lo scoglio molo dove di giorno approdano i vaporetti e dove la sera si pesca con la canna.

Il Begain- è lo scoglio che delimita la zona del porticciolo naturale

Il 71, una baia tra gli scogli dove una volta si pescavano le orate.

Le Ciappaie è una lingua di scoglio che degrada verso il mare sotto la villa di Mavà,altro nome dato al piccolo golfo circondato dagli scogli.

La grotta della Maimuna poco distante dalle Ciappaie è lunga e stretta e infondo si trova una piccola spiaggia

La Nave è la striscia di scogli che lambisce la chiesa di Santa Margherita e prosegue verso il muraglione della ferrovia.Lì si fa il bagno a Vernazza

Lo scoglio Ferale è lungo la costa tra Riomaggiore e Porto Venere,si chiama così perché e in mezzo al mare e avrebbe causato più di un naufragio.