Il castello

I ruderi del castello sono sulla piazza del Municipio, nella parte vecchia del borgo.Delle fortificazioni sono ancora visibili ampie tracce delle mura di cinta del borgo,alcuni tratti di muratura del corpo del castello e della cortina esterna, il basamento di due bastioni angolari e la torre a pianta rettangolare(alta 80 metri) detta Turris Magna,i muri e la torre sono stati completamente restaurati.

Il castello fu costruito nel 1274.Si hanno notizie di un castrum precedente, proprietà dei vescovi di Luni.Il vescovo Gualtiero II fece costruire su di una collina quasi disabitata, che era però un punto strategico per la difesa della strada romana un castello che chiamò S. Maria, attorno al quale si andò lentamente costruendo un borgo che prese il nome di Castelnuovo.Nel corso del XIII secolo in Lunigiana si affermarono, in una situazione di grandi contrasti, i primi Comuni.Fu il vescovo Enrico da Fucecchio (1273-1297) che costruì nel borgo il palazzo e la torre le cui tracce possiamo ammirare oggi. In seguito il potere temporale dei vescovi andò poco a poco disgregandosi per lasciare terreno alle Signorie, e Castelnuovo visse tutte le vicende storiche della Lunigiana

Nel 1873 la torre del paese fu dichiarata monumento nazionale.Il restauro fu ultimato nel 1906, sesto centenario della pace dantesca.

 

 

 

 

 

  • Colombiera

  • Molicciara

  • Palvotrisia

  • Vallecchia

 

La Visita:

Situato in posizione dominante sulla piana del Magra,Castelnuovo si presenta come un borgo collinare disteso su un crinale a collegamento dei due fulcri centrali:la chiesa e il palazzo vescovile.

La parrocchia di Santa Maria Maddalena è una chiesa di origine tardo rinascimentale edificata intorno alla metà del XVII secolo sulle fondamenta di una precedente costruzione tra il1204 e il 1209.La chiesa conserva opere d'arte di valore quali un Calvario attribuito a Pietro Bruegel il Giovane (1564ca -1638)

con gruppi grotteschi di personaggi che ruotano intorno ai tre crocifissi,sullo sfondo di una Gerusalemme nordica,la Madonna del suffragio di Domenico Fiasella (1589-1669) e una Crocifissione della scuola del Van Dyck.

Di particolare interesse architettonico e urbanistico il Palazzo Vescovile detto 'Castelo',situato in posizione di rilievo rispetto al borgo.

Sul piazzale del castello vescovile si affaccia via Dante Alighieri,una strada molto elegante caratterizzata da maestosi palazzi in stile neoclassico del seicento e del Settecento,arricchiti da eleganti portali in marmo e in pietra,atri voltati e sculture finemente lavorate.

Da vedere:

Chiesa Parrocchiale di Santa Maria Maddalena

Oratorio dei Bianchi (v. V. Veneto)

Palazzo Ingolotti Cornelio (v. V. Veneto)

Palazzo Ferrari Natalini  e Palazzo Tonarelli 

(v. Dante)

 

Manifestazioni:

Luglio-Agosto: Rassegna Cinematografica Cinema e Cultura.

Fine agosto:Corteo storico di San Fedele

Inizio settembre: Fiera del bestiame e merci varie.

 

 

La Sprugola.com
Copyright © 2000-2003