Comune di Sesta Godano

Piazza Marconi,1 Tel 0187-891525

email: sestagodano@libero.it

 

 

Mappa Sesta Godano

 

 

La Sesta deve il suo nome a sesto miglio romano. L'antica  Pieve di Santa Maria Assunta e S. Marco, ci testimonia il passaggio d'una strada romana, la quale da Brugnato, centro importante fina dal tempo dei Longobardi, percorreva, toccando l'attuale Bozzolo e Cornice, poco meno di 10 km., sei miglia romane. La fermata alla Pieve, per il cambio dei cavalli e la sosta dei viandanti, proprio la sesto miglio, fu denominata, come in altri itinerari antichi.

 

Sesta Godano è nel cuore profondo della Val di Vara ed è formato da alcune frazioni, ognuna delle quali è un piccolo e suggestivo teatro del passato.

 

Da non perdere, il ponte medievale sul torrente Gottero,la via vecchia arricchita di portici e la chiesa dell'Assunta,rifacimento settecentesco della antica pieve di Robbiano, con un bel campanile.

 

Nella frazione di Groppo si possono ammirare le case- fortezza,i passaggi coperti oltre ad alcune teste apotropaiche murate sulle pareti delle prime case del centro storico.

 

Rio è un pittoresco borgo fortificato;Mangia è caratterizzata per gli spazi a volta e le aie pensili e per la sua costruzione con pietre arrotondate raccolte dal fiume. Il piccolo Santuario della Madonna della Penna si trova a metà strada tra Chiusola e Ometto

 

 

Manifestazioni

 

Fiera 1° maggio

8-19 agosto Vara Gottero -Festa d'Ambiente

15 agosto Santa Maria Assunta

dal 15 a fine ottobre Vivere il Fiume

.

 

Curiosità

 

 

La Sassata


I contadini nel 1800 dovevano far ricorso, in inverno per sopravvivere, ai ricchi della zona per avere  in prestito farina di grano, granoturco, castagne. I ricchi non volevano la restituzione della merce, ma in cambio chiedevano terreni. I clan, secondo i racconti, allenavano un giovane della famiglia a tirare un sasso verso il terreno di chi aveva chiesto farina.Il sasso era piatto, perché fendesse meglio l'aria e finisse il più lontano possibile.Il volo della sassata definiva il passaggio al clan del terreno.

 

 

 

 

 

  • Airola

  • Antessio<----clicca

  • Bergassana

  • Chiusola

  • Cornice

  • Groppo

  • Godano

  • Mangia

  • Orneto

  • Pignona

  • Rio

  • Santa Maria

 

La radice d'erica

I boschi di Sesta Godano davano la radice d'erica con la quale fabbricavano le pipe, un tempo questa attività alimentava un remunerativo artigianato che aveva un suo peso nell'economia locale.Esisteva un laboratorio per una fabbrica tedesca di pipe la Wassermann. L'erica è una pianta voluminosa e dura che un tempo era molto diffusa nei boschi di Sesta Godano, Santa Maria, Scogna, Rio e S.Pietro Vara e Montale nel territorio di Varese Ligure.Le radiche mondate erano disposte a cataste, coperte di frasche e terriccio ed anche annaffiate giornalmente per evitarne la spaccatura, infine erano segate per ricavarne abbozzi parziali o totali, per poi essere trasportati a Carro al Passo della Mola e quindi a Sestri Levante dove partivano per la fabbrica tedesca.Si parla del passato.oggi la raccolta è minima, gli incendi danneggiano la crescita, la richiesta è diminuita e la concorrenza è aumentata.Però la tradizione continua e nel mondo c'è ancora qualcuno che non sapendolo fuma con una pipa Made in Sesta  Godano. 

Con il molino Denevi frantoiavano le olive macinavano il grano granoturco e persino lo zolfo siciliano

Mangia

Torrente Mangia

Presenta un bacino imbrifero di 26.02 Kmq e si origina presso i pressi di Torpiana dalla confluenza dei fossi Torricella e Borelli a quota 450 m.Si snoda lungo un percorso di 10Km.,e riceve numerosi affluenti,quasi tutti nel tratto superiore,tra cui i fossi Scannabecco e Ravaggiano,il rio Grande e i canali di Carpena e dei Boschi.

 

 

Copyright © 2000-2002